Zucca di Melara

Zucca di Melara

MERCATO DI RIFERIMENTO:
La vendita della zucca di Melara viene effettuata dalle stesse aziende agri­cole produttrici, sia in loco all’interno dell’azienda, sia a mezzo stand duran­te sagre, fiere e feste in piazza.

Mercato Ortofrutticolo di Lusia
Via Provvidenza, 25/3 – 45020 Lusia (RO)
tel. 0425 607024

Vendita all’ingrosso:
da lunedì a sabato – mattino Vendita al dettaglio effettuata dalla Cooperativa Ortolani di Lusia: sabato – pomeriggio Mercato Ortofrutticolo di Rosolina Via Po Brondolo, 43 45010 Rosolina (RO) – Tel. 0426 664029 – 0426 340261 Vendita all’ingrosso e al dettaglio: da lunedì a venerdì – mattino e pomeriggio

Tel. +39 0425.607024 – Tel. +39 0426.664029

Descrizione:

Il Polesine è un territorio adatto alla col­tivazione della zucca, soprattutto nelle aree del Delta del Po e dell’alto Pole­sine. Le tipologie più coltivate sono: la Zucca Violina e la Zucca Delicata. La Zucca Violina è caratterizzata da una forma a clava, allungata e ingrossata ad una estremità, ha la buccia spessa, di colore giallo dai riflessi aranciati, mentre la polpa è di un bel giallo intenso. De­cisamente dolce, si presta per il ripieno dei tortelli e per ogni tipo di torta.

La Zucca Delicata è di forma tondeggiante con buccia sottilissima di colore verde intenso, polpa giallo arancione molto compatta e soda. Tendenza dolce, ben equilibrata da buona acidità. Nota sin dai tempi più antichi, la zucca ha rappresentato per secoli una riserva ali­mentare nelle zone più povere, soprat­tutto contadine. Oggi appare invece nelle migliori proposte della nostra cu­cina per il suo gradevole sapore e per la sua versatilità: la vediamo protagonista di ricette della tradizione del Polesine, come il risotto alla zucca, e i tortelli. Un tempo, veniva tagliata a fettine sottili e fatta arrostire nel forno a legna.

Oggi, fatta al forno o utilizzata per risotti o come ripieno per tortellini, è apprezza­ta anche in raffinati tortini che si rifanno alla “nouvelle cousine”. “Nella tradizione polesana i contadini utilizzavano la zucca per creare delle apparizioni scherzose delle anime dei defunti e per esorcizzare la paura della morte. La zucca veniva scavata all’interno e venivano praticati dei fori, dove veniva posto un lume o una candela, per simu­lare l’origine infera dello spirito, da cui il nome di “lumassa”, (zucca contenente un lume).

Le zucche “lumassa” veniva­no poste in luoghi oscuri: molto spesso i burloni facevano apparire le “lumasse” vicino ai cimiteri per far impaurire i vian­danti di notte”. La commercializzazione La vendita della zucca di Melara viene effettuata dalle stesse aziende agri­cole produttrici, sia in loco all’interno dell’azienda, sia a mezzo stand duran­te sagre, fiere e feste in piazza. Grazie alle varie qualità presenti sul mer­cato e al perfezionamento delle tecniche e dei metodi di conservazione, la zucca può essere gustata in ogni stagione.

Ricette

 

Add Comment

logo biosfera delta del pologo veneto.eulogo-parco-delta-del-po